TORNA ALLA HOME PAGE

Ho selezionato per voi questo video che potete vedere sulla sinistra.
È in inglese ma è perfettamente comprensibile a tutti per la rappresentazione grafica particolarmente esaustiva.
Si tratta di un semplice test di laboratorio che mostra con estrema chiarezza come l'immissione in atmosfera di gas, come il biossido di carbonio e il metano, possano alterare la temperatura dell'aria. Quello che avviene in quel vasetto di vetro è ciò che attualmente sta accadendo sulla terra 
Nel grafico accanto potete vedere sovrapposta la risalita del gas CO2 e il contestuale aumento delle temperature globali
Orbene, tale correlazione, seppur evidente, non chiarisce del tutto il fenomeno in tutti i suoi aspetti e soprattutto non ci preannuncia quali possano essere i risvolti, le conseguenze.Per questo motivo gli scienziati hanno ben pensato di studiare la composizione che l'atmosfera del nostro pianeta aveva centinaia e migliaia di anni fa (anche milioni di anni fa).

Come sappiamo, in Antartide e in Groenlandia esistono ghiacciai dallo spessore di alcuni chilometri, formatisi in migliaia, e in alcuni casi, milioni di anni. Ebbene, attraverso degli opportuni carotaggi sono riusciti ad estrarre dal ghiaccio prelevato delle micro bolle di aria contenenti l'atmosfera così come si presentava tanto tempo fa.

Grazie alle analisi effettuate, è emersa una ricostruzione dettagliata della composizione dell'aria sulla Terra negli anni passati.
Attraverso l'incrocio dei dati tra composizione dell'aria e andamento delle temperature sulla Terra, sono emerse delle certezze scientifiche che sono state racchiuse in un grafico a dir poco affascinante. Come potete notare nel grafico a sinistra, la correlazione tra i due valori è una certezza.
Altro elemento di cui tener conto nell'individuare le cause del riscaldamento globale è lo scioglimento del permafrost.
Il permafrost è uno strato di ghiaccio perenne che ricopre vaste aree dell'emisfero nord (Artico, Alaska, Russia ad es.) che protegge sotto di se enormi quantitativi di metano formatosi nel sottosuolo nei millenni\milioni di anni fa. E'  chiaro che con lo scioglimento del permafrost il metano viene a contatto con l'aria liberandosi in atmosfera (vedasi foto accanto in cui una ricercatrice innesca il gas che si libera da un buco reaizzato nel ghiaccio).
E' bene ricordare che il metano è un gas serra trenta volte più potente del CO2 (ma con durata inferiore, circa, quindi la sua liberazione in atmosfera può accelerare il riscaldamento globale in modo drammatico e veloce. Tale fenomeno è già in corso come accertato da recenti indagini e rilevazioni fatte dei ricercatori
Chiaramente la schematizzazione di cui sopra vuole mettere in risalto solamente le cause principali del riscaldamento globale. Ci sono, difatti, tutta una serie di gas, anch'essi fortemente "riscaldanti" immessi nell'atmosfera dall'uomo come i CFC, HCFC e HFC. Inoltre, un gas serra per eccellenza che non viene prodotto dall'uomo se non in minima parte, è il vapore acqueo che si genera per evaporazione delle acque del mare riscaldate dal sole.
Pertanto, noi uomini con l'immissione in atmosfera di tutti i gas citati siamo i principali artefici del riscaldamento globale, che, come vedete dai grafici, è iniziato con l'avvento della industrializzazione