I rimedi contro il cambiamento climatico
TORNA ALLA HOME PAGE
 
Come abbiamo visto nelle pagine precedenti la causa del problema risiede nella immissione in atmosfera di gas quali il biossido di carbonio, metano ed altri. Ebbene, è da li che bisogna partire.
Occorre ridurre tali emissioni utilizzando tutte le tecnologie disponibili!

Ma vediamo, in via preliminare come e quali gas serra l'uomo immette in atmosfera. Si precisa che in natura questi gas vengono liberati anche senza l'intervento dell'uomo, ma non è certo questo che ha alterato il clima essendo la Terra un sistema in equilibrio in cui il ciclo del carbone è sempre esistito senza produrre cambiamenti climatici così repentini come sta accadendo in questi anni.

Il gas prodotto dall'uomo che, in via preponderante, causa il surriscaldamento globale è il CO2. Questo gas viene immesso per combustione del carbone, petrolio e in generale di tutti i fossili presenti nel sottosuolo e non solo. Chiaramente il principale indiziato è il petrolio utizzato per produrre benzina, gasolio, gas e altri derivati che in combustione liberano in atmosfera CO2 e altre sostanze inquinanti.
Al secondo posto si colloca il metano, gas presente nel sottosuolo e da noi estratto per utilizzarlo come combustibile per auto, riscaldamento etc...
Successivamente, per brevità, vengono tutta una serie di gas utilizzati per vari scopi. Ad esempio i gas presenti nei motori refrigeranti (condizionatori, frigoriferi etc...), nei sistemi elettrici (trasformatori), nelle bombolette spry e tanti altri ancora che non sono meno efficaci nel surriscaldare il nostro pianeta, ma che, essendo in proprorzioni inferiori rispetto agli altri gas, hanno un impatto minoritario ma non trascurabile.

Vediamo ora cosa si puo' concretamente fare per limitare l'uso di questi gas serra

Innanzitutto, occorre fare in modo di consumare meno energia possibile. Quindi, prima di passare in rassegna le tecnologie attualmente esistenti per fare a meno dei combustibili fossili, occorre soffermarsi sul fatto che solo un comportamento ecosostenibile, di rispetto verso la natura da parti di tutti gli esseri umani puo' evitare conseguenze catastrofiche per tutti. Non c'è tecnologia che tiene se non si crea una cultura del rispetto della natura e di chi vi ci abita!
Fondamentali sono alcuni comportamenti quotidiani, ad esempio:
- utilizzare bici elettriche e non per circolare in città
- fare meno uso possibile di sacchetti di plastica
- acquistare beni prodotti possibilmente in loco (evitando che gli stessi compiano lunghe distanze per arrivare sino anoi)
- per quanto possibile, coltivare l'orto di casa e autoprodursi quanti più beni è possibile (ad es. pane, oggetti, abbigliamento e altro)

DAL SOLE ENERGIA PER TUTTI

Una fonte energetica inesauribile ed illimitata già c'è ed è rappresentata dal Sole. Pensate che sulla Terra arriva diecimila volte l'energia che utilizziamo su tutta la Terra!

Pertanto, il fotovoltaico e tutte le tecnologia che sfruttano l'enegia del sole sono e saranno il futuro della nostra energia. Tutti noi possiamo costruirci un piccolo impianto fotovoltaico. I modi sono due: o con un impianto connesso alla rete che consente di immettere energia in rete quando non ne consumiamo, sia con un impianto ad isola, cioè non connesso alla rete che ci renda autonomi, anche solo parzialmente, dal fornitore di energia elettrica..
Io personalmente ho già realizzato ed installato due piccoli impianti a casa mia con una piccola spesa, rendendo autonomo per quanto riguarda l'illuminazione e alcuni elettrodomestici. La grande comodità di questi impianti è che non necessitano di autorizzazioni, pratiche con il gestore GSE e complicazioni varie legate anche agli elevati costi.
Qui vi posto un  link ad un sito che aiuta nella realizzazione fai da te di un piccolo impianto fotovoltaico ad isola. Cliccate qui
In ogni caso sulla rete sono diversi i venditori di materiale fotovoltaico che danno tutti i consigli su come realizzare l'impianto avvalendosi di personale specializzato
 




Immagine esemplificativa di un pannello fotovoltaico sul balcone di casa





Una fonte energetica inesauribile ed illimitata già c'è ed è rappresentata dal Sole. Pensate che sulla Terra arriva diecimila volte l'energia che utilizziamo su tutta la Terra!

Un consiglio, installate a casa vostra un piccolo impianto fotovoltaico ad isola o connesso alla rete

Il fotovoltaico e tutte le tecnologie che sfruttano l'energia del sole sono e saranno il futuro della nostra energia. Tutti noi possiamo costruirci un piccolo impianto fotovoltaico. I modi sono due: o con un impianto connesso alla rete che consente di immettere energia in rete quando non ne consumiamo, sia con un impianto ad isola, cioè non connesso alla rete che ci renda autonomi energeticamente.
Io personalmente ho già realizzato ed installato due piccoli impianti a casa mia con una piccola spesa, rendendomi autonomo per quanto riguarda l'illuminazione e alcuni elettrodomestici. La grande comodità di questi impianti è che non necessitano di autorizzazioni, pratiche con il gestore GSE e complicazioni varie. Inoltre, il loro costo è sostenibile dalla maggior parte della popolazione.
Qui vi posto un  link ad un sito che aiuta nella realizzazione fai da te di un piccolo impianto fotovoltaico ad isola. Cliccate qui
In ogni caso sulla rete sono diversi i venditori di materiale fotovoltaico che danno tutti i consigli su come realizzare l'impianto avvalendosi di personale specializzato.
Per esperienza personale, posso assicurarvi che, realizzando un piccolo impianto solare ad isola, non solo si fa una grande cosa per l'ambiente, ma c'è anche una considerevole convenienza economica. Mi spiego meglio.
L'impianto ad isola consente di ridurre il costo della bolletta energetica in modo permanente.I costi necessari (se autoinstallato) per costruirlo e la durata dei materiali, facendo due calcoli, non sono superiori al costo dell'energia fornita dall'operatore elettrico.
Per esempio, considerando che l'energia consumata nella fascia ad alto costo arriva a 0,28-0,29 kw\h ho verificato che nell'arco di 4-5 anni si recupera l'investimento fatto e negli anni successivi si consuma energia ad un costo quasi pari a zero (occorre dopo alcuni anni sostituire le batterie ed eventualmente qualche altro componente, ma i pannelli continuano a produrre per 30 anni e più).
Quindi c'è anche una convenienza economica, oltre alla non trascurabile comodità di avere luce o elettrodomestici funzionanti anche quando non c'è energia elettrica, vuoi per guasti o per stacchi del salvavita di casa!

Per chi, chiaramente, non intende cimentarsi in questa esperienza e vuole affidarsi ad una ditta che realizza un impianto connesso alla rete, bene, è scontato che anche in quel caso la convenienza c'è sia sotto il profilo economico che ambientale
 

Anche l'eolico offre buone speranze per il futuro. Esso rappresenta una conveniente forma di produzione di energia soprattutto nelle aree molto ventose. In genere alcuni paesi del nord Europa già producono circa 1\4 dell'energia consumata dall'eolico. Ma molto si puo' ancora fare e anche il micro-eolico fai da te è interessante, sempre per chi abita in località ventose.
Su internet sono facilmente reperibili siti che danno tutte le spiegazini in merito.
Ultimamente ci sono nuove scoperte sull'eolico. In particolare, leggete qui . Sono davvero tante le innovazione e i test in corso di nuovi modelli che promettono bene.